Perchè la Caritas

Quanti pani avete? Andate a vedere

Mc, 6, 35-44 Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i discepoli dicendo: «Questo luogo è solitario ed è ormai tardi; congedali perciò, in modo che, andando per le campagne e i villaggi vicini, possano comprarsi da mangiare». Ma egli rispose: «Voi stessi date loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andar noi a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?». Ma egli replicò loro: «Quanti pani avete? Andate a vedere». E accertatisi, riferirono: «Cinque pani e due pesci». Allora ordinò loro di farli mettere tutti a sedere, a gruppi, sull'erba verde. E sedettero tutti a gruppi e gruppetti di cento e di cinquanta. Presi i cinque pani e i due pesci, levò gli occhi al cielo, pronunziò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai discepoli perché li distribuissero; e divise i due pesci fra tutti. Tutti mangiarono e si sfamarono, e portarono via dodici ceste piene di pezzi di pane e anche dei pesci. Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini.

Gesù ha appena inviato i suoi discepoli a due a due per incontrare e stare con la gente, da poveri: «Né pane, né bisaccia, né denaro». L'invito è di andare da poveri, una povertà di stile, di atteggiamento. Andare e incontrare le persone non da ricchi -di mezzi, di idee, di verità- ma da poveri, per accogliere, ricevere e imparare dalle storie e dalle vite della gente.
Mentre i discepoli sono in missione, Marco narra il martirio e l'uccisione di Giovanni il Battista. Una morte che lascia un grande dolore in Gesù: hanno ucciso il suo maestro, amico e cugino per il suo amore per la verità.
Gesù di fronte a questa morte, a questa minaccia e provocazione reagisce con una rinnovata cura e attenzione ai suoi discepoli(Venite in disparte e riposatevi un po') e con una rinnovata compassione per le folle, poiché erano come pecore senza pastore.
Giunta la sera i discepoli di fronte alla numerosa gente affamata avanzano la proposta di «Congedare la gente, perché si comprino da mangiare». Gesù di fronte a questa reazione, stimola i suoi discepoli: «Voi stessi date loro da mangiare». Di fronte all'emergenza, Gesù invita i suoi discepoli a fare qualcosa. Replicarono: «Vuoi che andiamo noi a comperare duecento denari di pane per dar loro da mangiare?» I discepoli mettono in evidenza tutta la loro inadeguatezza rispetto al bisogno. Gesù allora li invita a cambiare il loro sguardo sulla realtà, a cambiare il loro punto di vista. Gli apostoli osservano la realtà da ciò che non hanno, Gesù al contrario li invita a verificare quello che hanno. «Quanti pane avete? Andate a vedere». La proposta è quella di andare a vedere, a verificare, a osservare e monitorare le risorse, le potenzialità presenti nella comunità. Nessuna delega e nessun acquisto, ma imparare a condividere quello che si possiede. Trasformare l'incontro con le povertà in occasione di far crescere e maturare le comunità. Uno sguardo ricco di fede, di fiducia nei confronti della realtà e delle comunità, ricche di potenzialità ancora inespresse e sopite.

«Ordinò loro di farli mettere tutti a sedere, a gruppi, sull'erba verde»

Gesù invita a guardare alla folla non come a una massa informe di persone ma ad organizzarli in piccoli gruppi. Dalla massa, dalla quantità, saper organizzarsi e organizzare per formare piccoli gruppi dove imparare a chiamarsi per nome e riconoscersi. Dove stabilire delle relazioni umanizzanti. Dove non c'è chi serve ed è servito, dove non c'è il volontario da una parte e il beneficiario dall'altra, ma dove si condivide. Gruppi di aiuto reciproco dove tutti sono portatori di povertà e tutti sono portatori di risorse. Dove vivere una dinamica di aiuto reciproco.
All'interno di questo clima e contesto vediamo svolgersi le quattro azioni di Gesù:

  • «Prese i cinque pani e due pesci»: imparare a consegnare, ad affidare, a offrire per vivere un distacco da ciò che consideriamo un possesso.
  • «Levò gli occhi al cielo, pronunciò la benedizione»: alzare lo sguardo in atteggiamento di invocazione, di gratitudine e benedizione. Celebrare la vita, benedire le storie, le persone, alzare lo sguardo per intercedere e pregare.
  • «Spezzò il pane»: un gesto che parla di Gesù e della sua esperienza. Spezzare significa condividere, donare, offrire.»
  • «Li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero»: un gesto che chiede ai discepoli di coinvolgersi, di attivarsi e di attivare. Un gesto che valorizza, coinvolge e interpella.

Stampa

Contattaci

Indirizzo dell'ufficio pastorale
Casa Pio X, via Vescovado 29, 35141, Padova (PD)

Segreteria
dal lunedì al venerdì ore 9.30-13
tel. 049-8771722
fax. 049-8771723   
info@caritaspadova.it

Centro di Ascolto diocesano
tel. 049-8771725

Iscriviti alla newsletter

 

 

Seguici sui social

Twitter1 Seguici su Twitter

Facebook1 Seguici su Facebook

youtube Seguici su Youtube

flickr Seguici su Flickr